Crema spalmabile al pistacchio

Ci sto pensando da un po’. E l’occasione rende questa prova perfetta. Una crema di pistacchi artigianale, fatta solo con ingredienti naturali, biologici. Prodotti scelti e presi proprio nella loro terra di origine, alla ricerca del sapore autentico. Cosi accuratamente combinati, tostati per rendere il sapore più deciso possibile. Mi serviva una base. Una da poter usare per le creme, splamabile come la Nutella buona e capace di convincervi tutti. Vegana, vegetariana, senza glutine e questa volta anche senza lattosio. Una pasta di pistacchi 100%  fatta da te, da me. Ti dico solo che a parlarne sento aumentare la salivazione e ancora oggi, nello scrivere questo post per condividere con te questa ricetta, ricordo forte e ben chiaro l’aroma sotto il naso. Non puoi che provarci anche tu! Segui queste poche istruzioni.

Se sei intollerante al lattosio è davvero un asso nella manica per i tuoi dolci!

Continua a leggere “Crema spalmabile al pistacchio”

Pubblicità

Insalata fredda con fregola, zucchine e carciofi

Oggi vi riporto a tavola la fregola. L’occasione è giusta per riparlare di questo chicco di pasta lavorata a mano con tanta pazienza, patrimonio della tradizione casalinga sarda. Finalmente ricomincia la sfilata dei piatti freschi, perchè il sole e il caldo ce lo richiedono. Così se non vi va il solito cous cous potete optare per la fregola.

La fregola è anche una valida alleata per i piatti così detti da “riciclo”. Ed è proprio così che ho preparato la mia insalata di fregola, stando attenta agli sprechi e alla ricerca di una valida compagnia per le mie alici fritte. Continua a leggere “Insalata fredda con fregola, zucchine e carciofi”

Granita di mandorla

Stamattina cielo del color di fine estate ed io non posso fare a meno di desiderare ancora quei colori, sapori e odori che rendono questa stagione per me irresistibile. La luce fino a tardi, gli odori e come rinunciare già? Inutile non mi basta. E questa estate non voglio ancora farla scivolare via. Non ho ancora mangiato la mia colazione preferita. Alla sicula. Granita e brioches. E così sia! Mandorle ne abbiamo? Proviamoci.

Continua a leggere “Granita di mandorla”

Finocchi cotti

Una delle sette bontà invernali è sicuramente il finocchio. C’è chi lo preferisce crudo, chi a vapore e chi come me lo fa “affogare”. Almeno così dice mamma. Così come raccomanda sempre di comprare i finocchi femmina per farli cotti e i finocchi maschi per farli crudi. Da non credere. Siamo riusciti a dare un sesso anche ai finocchi! Poche mosse per preparare questa ricetta. Ecco cosa occorre.

Ingredienti: 4 finocchi femmina, 1 porro, sale e olio evo q.b., olive nere q.b.;

Procedimento:

  • Lavate e tagliate i finocchi a fettine.
  • Metteteli su una padella antiaderente con olio evo, sale.
  • Lavate, tagliate e aggiungete anche il porro tagliato a fettine.
  • Fate cuocere a fiamma moderata senza coperchio finchè si saranno imbionditi, nel frattempo mescolate.
  • Appena si saranno rosolati e avranno un colore dorato, aggiungete 1/2 bicchiere di acqua, le olive nere e coprite con il coperchio.
  • Lasciate in cottura finchè con la forchetta sentirete il finocchio ammorbidito.
  • Servite e buon appetito.

For english friends…

One of the seven winter goodness is definitely the fennel. Some people prefer raw, those steam and people like me who does it “drowning”. At least so says Mom. As always recommended to buy the fennel female to get them cooked and males fennel to make them raw. Beyond belief. We managed to give even sex with fennel! Few moves to prepare this recipe. Here’s what you need.

Ingredients: 4 fennel female, 1 leek, salt and extra virgin olive oil q.s., black olives q.b .;

Method:

Wash and cut the fennel into thin slices.
Put them on a non-stick pan with olive oil, salt.
Washed, cut and even add the leek, cut into slices.
Cook over medium heat without a lid until it will imbionditi, meanwhile stir.
Once they have browned and will have a golden color, add 1/2 cup of water, black olives and cover with the lid.
Let it cook until the fork will feel the softened fennel.
Serve and enjoy your meal.

Germogli di soya in pastella

Con il fritto è tutto buono! Questa è per gli scettici. Quelli che non si avvicinano ai germogli di soya nemmeno per guardarli! Se amate le verdure in pastella non potrete più rinunciarvi. Intanto li trovate ovunque e in qualsiasi periodo dell’anno e poi sono una soluzione veloce dell’ultimo minuto. A proposito, voi la pastella come la fate? Io di solito la preparo con l’acqua frizzante ma stavolta ho usato l’acqua tonica. WOW!

Ingredienti: 1 confezione di germogli di soia da 200 gr circa, 2 uova, 2 cucchiai di farina, sale qb, olio di semi per friggere e 1/2 bicchiere di acqua tonica.

Procedimento:

  1. Lavate e lasciate asciugare bene i germogli di soya;
  2. Preparate la pastella. In un recipiente sbattete le uova con la farina e un pizzico di sale e in ultimo aggiungete l’acqua tonica.
  3. Aggiungete i germogli di soya e mescolate.
  4. Iniziate la frittura usando un tegame antiaderente e dell’olio di semi.
  5. Con un cucchiaio versate l’impasto nell’olio caldo e lasciate che si gonfino e colorino da ambo i lati.
  6. Salate in superficie e servite caldi.

For English friends…

With fried is all good! This is for the skeptics. Those who do not come close to the shoots of soya even to watch them! If you love the vegetables in batter you’ll never give it up. Meanwhile you find them anywhere and at any time of the year and then have a quick last-minute solution. By the way, you the batter as you make it? I usually prepare with sparkling water but this time I used the tonic water. WOW!

Ingredients: 1 package of bean sprouts from about 200 grams, 2 eggs, 2 tablespoons flour, salt, vegetable oil for frying 1/2 glass of tonic water.

Method:

Rinse and let dry well the soy sprouts;
Prepare the batter. In a bowl, beat the eggs with the flour and a pinch of salt and finally add the tonic water.
Add the soy sprouts and stir.
Start by using a non-stick frying pan and oil seeds.
With a spoon pour the mixture into the hot oil and allow it to swell and color the both sides.
Add salt to the surface and serve hot.

Salsa alle noci e basilico

Per gli amanti delle creme e della frutta secca. Un condimento per la pasta facile, veloce e in perfetto stile frigo vuoto! Sempre di corsa, l’eco in frigo e ora come condisco la pasta? E se poi vogliamo dirla da fighi, non fatevi scappare questa ricetta vegetariana!

Ecco come si fa usando un comune mixer da cucina. Procuratevi questi ingredienti.

Ingredienti: una decina di foglie di basilico, 1 bicchiere di latte di soia, 30 gr di pinoli, 15 gr di noci, 2 cucchiai di olio di oliva e.v.o., 3 cucchiai di parmigiano in polvere, un pizzico di sale.

Procedimento: lavate le foglie di basilico, sgusciate le noci e mettete tutto insieme dentro un bicchiere alto per il mixer. Frullate e servite! Mai stati così veloci…

For English friends…

For lovers of creams and dried fruits. A sauce for pasta Easy, fast and in style empty fridge! Always running, the echo in the fridge and now as condisco pasta? And if we want to put it to cool, do not miss this vegetarian recipe!

Here’s how to do it using a common kitchen mixer. Get these ingredients.

Ingredients: a dozen basil leaves, 1 glass of soy milk, 30 grams of pine nuts, 15 grams of walnuts, 2 tablespoons e.v.o. olive oil, 3 tablespoons powdered Parmesan cheese, a pinch of salt.

Method: Wash the basil leaves, shelled walnuts and put everything together in a tall glass to the mixer. Blend and serve! Never been so fast …

Insalata di Avena con carciofi, piselli al profumo di menta e limone.

La primavera in un piatto. Così ho pensato quando mi è venuta in mente quest’idea. E’ una di quelle che fai con poco, a basso costo e con i prodotti della campagna. Buona e con tanto sapore e profumo, tanta passione per il genuino e con un vero legame alla frase…”come una volta”. Chissà se sarebbe piaciuta alla mia nonna. Questa era la ricetta che avevo preparato per partecipare ad un foodcontest ma che per motivi personali poi è sfumato. Allora la condivido con voi, perchè credo che sia davvero speciale.

Ingredienti per 2 persone:  160 gr di avena, 4 carciofi, scorza di 1 limone, menta fresca e secca in foglie, 50 gr di piselli freschi già sgranati, olio e.v.o., sale q.b., pepe nero q.b., zenzero in polvere q.b.;

Procedimento:

  • Lavare i grani di avena con acqua.
  • Farla bollire in acqua salata per almeno 30 minuti.
  • Pulire e privare i carciofi delle foglie più esterne e del fieno. Tagliarli a metà e metterli in acqua e limone per qualche minuto. Utilizzare anche i gambi dei carciofi che dovranno essere spelati della parte più dura ed esterna. Mettete anch’essi a bagno.
  • Una volta lasciati in ammollo in acqua e limone si saranno sbiancati e insaporiti. Tagliate i carciofi a striscioline e i gambi a rondelle. Fate saltare in padella con poco olio evo, sale e menta secca. Lasciate in cottura per almeno 15 minuti in modo che risultino croccanti ma teneri allo stesso tempo. A metà della cottura coprite con coperchio per mantenere la giusta umidità.
  • Controllate la cottura dell’avena assaggiando la sapidità e la densità del chicco che non dovrà risultare molle.
  • Se ritenete che sia cotta al punto giusto, scolatela e per fermare la cottura sciacquatela sotto acqua fredda per qualche secondo lasciandola nel colapasta.
  • Versate l’avena dentro la casseruola usata per la cottura dei carciofi, in modo da raccogliere i sapori e l’olio evo. Amalgamate e aggiungete menta fresca, zenzero in polvere (1 cucchiaino circa) e piselli freschi.
  • Impiattate, spolverate con del pepe nero e servite a temperatura ambiente.

For english friends…

Spring in a pot. So I thought when I came up with this recipe. And ‘one of those you do with little, low cost and with the country’s products. Good and with lots of flavor and fragrance, so much passion for the genuine and a real connection to the phrase … “as it once was.” I wonder if you would like it to my grandmother. This was the recipe I prepared to attend a foodcontest but for personal reasons then dried up. So I share with you, because I think it’s really special.

Serves 2: 160 grams of oatmeal, 4 artichokes, 1 lemon peel, fresh and dried mint leaves, 50 grams of fresh peas already shelled, e.v.o. oil q.s. salt, black pepper q.s., ginger powder q.b .;

Method: Wash the grains of oats with water. Boil in salted water for 30 minutes. Clean the artichokes and deprive of outer leaves and hay. Cut them in half and put them in water and lemon juice for a few minutes. Use also the stems of the artichokes to be stripped of the hardest and external part. Put themselves in the bathroom. Once soaked in water and lemon you will be whitened and flavored. Cut the artichokes into thin strips, and the stems into rounds. Saute in a pan with a little olive oil, salt and dried mint. Let it cook for at least 15 minutes so that they are crispy but soft at the same time. Halfway through the cooking cover with lid to keep the right humidity. Check the cooking oats tasting the flavor and density of the grain which will not be soft. If you feel it is cooked to perfection, drain and stop the cooking rinse under cold water for a few seconds, leaving it in a colander. Pour the oats into the saucepan used for cooking artichokes, so pick up the flavors and the extra virgin olive oil. Mix and add fresh mint, ginger powder (about 1 teaspoon) and fresh peas. Serve, sprinkled with black pepper and serve at room temperature.