Ortica: saperne di più.

Non vi è mai capitato di vedere qualche germoglio verde in un vaso ormai trascurato proprio ai primi cenni di primavera? Alcune sono erbacce ma altre guardatele bene potrebbero essere ortiche. Se non avete bene in mente come sia la foglia, lasciate che cresca e provate a toccarla…beh se punge e vi rimane uno strano bruciore/prurito sulla pelle allora è proprio ortica: sia le foglie che i fusti sono ricoperti da peli ad effetto urticante.

L’ortica è una pianta erbacea selvatica, tra le più apprezzate perchè particolarmente ricca di oligoelementi con un forte potere remineralizzante. In generale è molto ricca di vitamina C, di silicio, ferro, manganese, potassio e calcio, di carotene, acido folico, tannino e istamina (ma anche acetilcolina, clorofilla, acido gallico e formico), per questo è considerata una pianta curativa.

Ma non solo anche in cucina trova il suo posto e nonostante il suo aspetto pungente che spesso scoraggia la raccolta, con un paio di guanti e una bollita è un buon ingrediente per risotti, involtini, torte salate. Basta far bollire per qualche minuto le foglie, così da perdere i peli pungenti e diventare assolutamente commestibile.

E avete mai sentito parlare di decotto o tisana all’ortica? Per chi può consigliamo di raccogliere ed essiccare le foglie e le radici dell’ortica da impiegare al bisogno per la preparazione di tisane e decotti, un vero toccasana per l’intestino irritabile o per chi è carente di ferro. Altrimenti, per chi vive in città e lontano dai paradisi di campagna incontaminati potrete cercare in erboristeria i fiori essiccati di ortica.

ortica2

Ecco come preparare il vostro infuso fai da te remineralizzante con fiori già essiccati:

  • 1 cucchiaio di fiori di ortica essiccato oppure 30 gr di ortica fresca
  • 500 ml di acqua bollente
  • 1 cucchiaino di miele

Lasciate che i fiori si reidratino nell’acqua bollente per almeno 15 minuti. Filtrate accuratamente e servite tiepido con un cucchiaino di miele.

Curiosità:

  • L’ortica fa bene ai capelli tanto da essere usata anche contro la caduta e l’eliminazione della forfora. Il decotto si friziona sul cuoio capelluto subito dopo lo shampoo e si lascia in posa per qualche minuto prima del risciacquo.
  • Per chi invece ha problemi di ritenzione idrica è particolarmente indicata poichè ha effetti diuretici.
  • Per chi ha la passione per le piante e cerca un antiparassitario naturale l’ortica si può utilizzare per preparare un composto in grado di allontanare afidi e ragnetto rosso dalle piante.

Cosa aspettate? In primavera usiamo anche le erbe selvatiche per il nostro benessere e per scoprire nuovi sapori a tavola.

Articolo scritto per http://www.mavie.it

Annunci