L’impasto per la pizza

“Mamma pizza! Ma come si fa? Io la voglio come quella del ristorante!” Seeee vabbeh…mamma te la fa buona e croccante, con tanta mozzarella filante! Aspetta che prelariamo gli ingredienti.

Ingredienti: 1 kg di farina tipo 0, 2 bustine di lievito Paneangeli disidratato, 600-700 ml circa di acqua tiepida, 1 cucchiaino di zucchero, 1 cucchiaino di sale, 2-3 cucchiai di olio di oliva.

Procedimento: riscaldate l’acqua. Versate una parte di questa in una ciotola e aggiungete il lievito e lo zucchero. Mescolate con una frusta fino a vedere salire in superficie la schiumetta del lievito. Unite farina e sale, setacciate e pian piano lavorando a mano incorporate tutta l’acqua. L’impasto assorbirà meglio l’acqua se verrà versata e dosata in piccole quantità. Durante questa operazione unite anche i cucchiai d’olio, cosí risulterá elastico e morbido. (Dovrá staccarsi bene dalle mani e se lasciato riposare vi mostrerà le “bolle” della lievitazione). Impastate senza fretta, energicamente per almeno 15-20 minuti. E vedrete che le bolle ci saranno!

Preparate le teglie per la cottura. Per queste dosi ne servono 2 rettangolari grandi come la leccarda nera del forno (misure indicative 38×46 cm). Così sarete sicuri di avere un buon risultato in termini di spessore della pizza!

Per foderarle utilizzate la carta forno e ungetela con dell’olio. Dividete in due parti l’impasto e stendetelo nelle due teglie. Schiacciate il panetto al centro per dare la forma rettangolare e poi aiutatevi con i polpastrelli per coprire tutta la superficie e gli angoli della teglia. Ungete in superficie e lasciate riposare in forno chiuso con luce accesa per almeno 4 ore.

L’impasto non va rilavorato a mano perché altrimenti s’interromperebbe la levitazione. È già steso per la cottura! Va solo condito a piacere.

Trascorse le 4 ore minime necessarie, condite e infornate a 250 gradi per almeno 20-25 minuti utilizzando la parte bassa del forno per la cottura della base e altri 15-20 minuti per la parte superiore.

Appunto: la mozzarella va messa a metà cottura così non rischierete che diventi scura e bruciacchiata. Se la fate bianca, inumidite la superficie con poca acqua e olio per la cottura. Se la fate classica “Margherita” aggiungete al pomodoro condito anche un po’ di acqua in modo che non si secchi. Spolverate di sale per dare più sapore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...